Vegetalmente Sani

Il colorito da frutta/verdura è meglio di quello da soleDimenticate lettini abbronzanti, prendere il sole e le false lozioni abbronzanti. Il segreto per un colorito sexy e sano sta nel mangiare le cinque porzioni al giorno di frutta e verdura, rivela una nuova ricerca della Taylor & Francis.


Un nuovo ed innovativo studio, pubblicato di recente su The Quarterly Journal of Experimental Psychology, getta nuova luce sull'importanza del colore della pelle come determinante dell'attrattività del viso. Esso mostra anche che la colorazione da carotenoidi ha il sopravvento sulla melanizzazione quando si tratta di regole di attrazione.


"La colorazione della pelle può avvenire come risultato di due processi distinti", spiega il team leader della ricerca: "attraverso l'abbronzatura (melanizzazione) o con l'assimilazione di frutta e verdura (ingestione di carotenoidi)".


Anche se sappiamo che i pigmenti rossi e gialli della frutta e verdura brillante aumentano l'ingiallimento della pelle, studi recenti hanno dimostrato che "la colorazione carotenoide è un fattore più importante per un'apparenza sana, rispetto alla colorazione melaninica", chiariscono gli accademici.


Determinato a indagare l'importanza del colore della pelle nei giudizi di attrattività del viso, così come nella scelta del compagno, il team si è proposto con tre studi basati su Internet separati, ma legati, di esaminare l'importanza degli elevati livelli di questi pigmenti (carotenoidi e melanina) nelle scelte di attrazione. Stabilire la preferenza per un pigmento sull'altro nel giudicare il fascino di un volto è stato fondamentale anche per la ricerca.


Nei primi due studi, due gruppi separati di 60 partecipanti hanno visto 27 facce di base, create appositamente per le esigenze del test. Attraverso la manipolazione del colore, l'area cutanea di questi volti compositi è stata modificata fianco a fianco: da una parte colori associati ai carotenoidi, dall'altra alla melanina.


Sono state mostrate versioni appaiate ad alto e basso pigmento di ogni faccia ai partecipanti, che hanno dovuto indicare quale ritenevano più attraente. I risultati di entrambi gli studi hanno mostrato una netta preferenza per i valori forti di colore; l'86% degli addetti al primo studio hanno votato per la versione di alti carotenoidi, mentre il 78,5% dei partecipanti al secondo ha optato per la variante di alta melanina.


Ma non è tutto: in un terzo e ultimo studio, il team ha messo 24 facce da carotenoidi e da melanina di fronte una contro l'altra, chiedendo ai partecipanti di scegliere quella ritenuta più attraente; i risultati hanno mostrato una preferenza del 75,9% per la colorazione carotenoide rispetto a quella da melanina.


Questa ricerca interessante costituisce una scoperta innovativa in quanto è la prima a mostrare una forte evidenza dell'importanza della colorazione della pelle nei giudizi sull'attrattività. Ancora di più, espone chiaramente "l'importanza della colorazione da carotenoidi come indizio di salute attuale e di attrattiva, un fatto che può essere fondamentale nelle scelte del compagno", spiega il team.


Quindi, se mangiare troppe carote ti ha preoccupato finora, è tempo di ripensarlo. Diventare arancione può non essere tanto male, dopo tutto.

 

 

 


FonteTaylor & Francis (>English text) - Tradotto da Franco Pellizzari

Riferimenti: Carmen E. Lefevre, David I. Perrett. Fruit over sunbed: Carotenoid skin coloration is found more attractive than melanin coloration. The Quarterly Journal of Experimental Psychology, 2014; 1 DOI: 10.1080/17470218.2014.944194

 


Nota: Per qualsiasi cambiamento della propria terapia o dieta è opportuno e necessario rivolgersi al proprio medico o dietista di fiducia. I proprietari e gli editori di questo sito non potranno essere ritenuti responsabili dell'applicazione, in qualsiasi modo, di indicazioni o informazioni mediche o dietologiche dedotte dal contenuto di questo articolo, che non sono state controllate da un professionista della salute.

Liberatoria: Il testo riprodotto qui sopra è stato acquisito da fonti pubbliche disponibili e consultabili sulla rete Internet, chiaramente citate all'interno del documento. L'autorizzazione alla ripubblicazione potrebbe non essere stata richiesta espressamente, ma il contenuto viene messo a disposizione dei visitatori del sito per diffondere e approfondire le conoscenze su prodotti vegetali importanti ai fini di una corretta alimentazione salutare. Si ritiene che ciò costituisca un uso ragionevole di qualsiasi materiale anche se protetto da copyright, nell'ambito dell'obiettivo comune di aiutare, supportare e informare in buona fede. Gli eventuali marchi di fabbrica, i marchi di servizi, i nomi depositati e i prodotti citati nel presente articolo e/o sito sono protetti e riconosciuti ai rispettivi proprietari a livello nazionale o internazionale.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.