Vegetalmente Sani

MedDiet_article

L'Alzheimer è una malattia terribile, senza nè cura nè modo accertato di impedirla. Tuttavia i medici, l'Alzheimer's Association [USA] e altre organizzazioni suggeriscono che alcune attività e una dieta equilibrata possono prolungare una vita sana e prevenire l'insorgenza precoce della malattia.

Susan Frick, che dirige il gruppo di supporto Without Warning [=senza preavviso] all'Alzheimer's Disease Center della Rush University, ha detto che il centro studia da anni lo stile di vita specifico delle persone con e senza Alzheimer.

"Stiamo facendo molte ricerche qui in termini di stile di vita", ha detto. Alcuni degli studi del centro sono i più longevi sull'Alzheimer nel paese. Il centro dispone di circa 3.000 partecipanti che sono stati testati nel corso degli anni e poi donano il cervello per la ricerca dopo la morte. "Sembra che ci siano alcuni modelli nel passato delle persone che possano aiutarli ... a non avere l'Alzheimer", ha detto Frick. "Ma stiamo parlando di ricerche in corso non ancora definite".

  1. Uno di questi schemi è la dieta quotidiana di una persona. L'Alzheimer's Association ha un volantino intitolato "Combustibile buono per il tuo cervello", che elenca i cibi salutari per il cervello. L'associazione cita cibi ricchi di antiossidanti, acidi grassi omega-3, vitamina C e vitamina E come particolarmente favorevoli per le persone con decadimento cognitivo. La Dssa Diane Kerwin, assistente professore di geriatria alla Feinberg School of Medicine della Northwestern University, aggiunge che anche le diete ad alto contenuto di vitamina B e vitamina B-12 sono benefiche per il cervello e potrebbero contribuire a svolgere una funzione preventiva. Secondo helpguide.org, un sito web senza fini di lucro per le questioni mediche, e Alzheimer's Weekly, una newsletter gratuita per le persone colpite da Alzheimer, una dieta mediterranea include tutti questi benefici nutrienti. La dieta mediterranea è costituita da cereali integrali, pesce, noci, frutta fresca e verdura. "In ogni caso avrete un vantaggio adottando uno stile di vita più sano e una dieta nella vostra vita", ha detto Kerwin. "Un indice di massa corporea e un peso più alti si correlano con un maggiore rischio di demenza".

  2. La Alzheimer's Association e la Help Guide, inoltre, dichiarano che fare esercizio fisico e restare attivi è importante. Essere fisicamente in forma, secondo l'International Journal of Clinical Practice riduce la probabilità di una persona di sviluppare l'Alzheimer. "Sappiamo che un regolare esercizio fisico può essere quasi immediatamente vantaggioso per la funzione del cervello", ha detto Kerwin. "Inoltre, consente di mantenere un peso corporeo ideale".

  3. Anche i giochi mentali come puzzles, cruciverba e ricerche di parole possono aiutare il cervello di una persona a mantenersi attivo.

Help Guide elenca diverse abitudini che le persone dovrebbero eliminare per ridurre le loro probabilità di avere l'Alzheimer. Due di tali rischi sono il fumo, che può aumentare la probabilità di una persona di contrarre la malattia fino al 79 per cento, e essere obesi.· Anche·stress cronico e non dormire a sufficienza possono aumentare la possibilità di ammalarsi, secondo la Help Guide. "Non è mai troppo tardi per iniziare una vita sana", ha detto Kerwin. "Aiuterà a mantenere una buona funzionalità del cervello". Ha detto che quando i suoi pazienti ricevono la prima diagnosi, vengono consigliati di seguire una dieta, come quella mediterranea, e di impegansi in almeno 30 minuti di attività fisica ogni giorno.

Frick ha detto che pur che mantenere uno stile di vita sano sia importante, a volte potrebbe non essere sufficiente. "L'attività fisica ... la nutrizione, l'attività cognitiva, il rimanere socialmente impegnati e con un obiettivo nella vita, sembrano avere tutti effetti positivi nell'invecchiamento. Ma conosco molte persone che, nonostante facciano piuttosto bene tutto questo, finiscono per avere problemi di memoria, quindi non è così semplice".

 


Scritto da Maria Bouselli nel LosAngeles Times il 19 maggio 2011Traduzione di Franco Pellizzari.

 

Nota: Per qualsiasi cambiamento della propria terapia o dieta è opportuno e necessario rivolgersi al proprio medico o dietista di fiducia. I proprietari e gli editori di questo sito non potranno essere ritenuti responsabili dell'applicazione, in qualsiasi modo, di indicazioni o informazioni mediche o dietologiche dedotte dal contenuto di questo articolo, che non sono state controllate da un professionista della salute.

Liberatoria: Il testo riprodotto qui sopra è stato acquisito da fonti pubbliche disponibili e consultabili sulla rete Internet, espressamente citate all'interno del documento. L'autorizzazione alla ripubblicazione potrebbe non essere stata richiesta espressamente, ma il contenuto viene messo a disposizione dei visitatori del sito per diffondere e approfondire le conoscenze su prodotti vegetali importanti ai fini di una corretta alimentazione salutare. Si ritiene che ciò costituisca un uso ragionevole di qualsiasi materiale protetto da copyright, nell'ambito dell'obiettivo comune di aiutare, supportare e informare in buona fede. Gli eventuali marchi di fabbrica, i marchi di servizi, i nomi depositati e i prodotti citati nel presente articolo e/o sito sono protetti e riconosciuti ai rispettivi proprietari a livello nazionale o internazionale.