Vegetalmente Sani

Cosa mangiare con il caldo africanoCosa mangiare con il caldo africanoL’estate è arrivata con il suo carico di afa e, puntuale come ogni anno, arriva la domanda fatale: cosa possiamo mangiare per non soffrire il caldo?

Ecco una lista di consigli utili.

 


ESTATE –
E la chiamano estate, quella che quest’anno è arrivata in anticipo scombinando il cambio di stagione nell’armadio e quello del frigorifero: come rimediare al caldo che toglie l’appetito?

PREOCCUPAZIONE - “Le temperature torride di questi giorni hanno anticipato la corsa dal fruttivendolo tipica della stagione estiva, con rialzi della domanda fino al 20% nelle località di mare e nelle città d’arte. Sale l’utilizzo dell’acqua potabile: rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso nei grandi centri urbani aumenti medi tra i 20 mila e i 35 mila metri cubi al giorno”, lo dice in una nota la Cia-Confederazione italiana agricoltori, che spiega: “Da domani la colonnina di mercurio farà un passo indietro, grazie all’arrivo del più mite anticiclone delle Azzorre che smorzerà la forza di Scipione. Intanto però il caldo africano, l’afa e le temperature fisse sui 35-40 gradi nell’ultima settimana hanno da un lato anticipato il consueto rialzo estivo dei consumi di frutta e verdura fresca e dall’altro hanno amplificato il ricorso all’acqua”.

LE PREFERENZE - Cia-Confederazione aggiunge: “Durante la stagione estiva, infatti, gli italiani riscoprono il piacere di frutta e verdura, tanto che tra luglio e agosto meloni, angurie, pesche, albicocche nonché lattuga, insalata riccia, trocadero, rucola e pomodori rappresentano ben il 65% della spesa ortofrutticola degli italiani. Ma Scipione quest’anno ha anticipato la corsa agli acquisti dal fruttivendolo, portando a un aumento medio della domanda del 5%, con picchi del 20% nelle località di mare, nei grandi centri turistici e nelle città d’arte, come Roma, Firenze, Milano e Napoli. D’altra parte -ricorda la Cia- frutta e verdura non solo dissetano e rinfrescano, contenendo una notevole quantità d’acqua, ma reintegrano i sali minerali persi con l’eccessiva sudorazione e riforniscono di vitamine e di sostanze antiossidanti, nutrendo l’organismo e proteggendolo allo stesso tempo dai danni correlati all’esposizione al sole”.

RACCOMANDAZIONI – Una volta sistemata la questione dell’alimentazione occorre ricordare alcune importanti raccomandazioni. Dario Manfellotto, direttore del centro di fisiopatologia clinica del “Fatebenefratelli” di Roma, ha detto: “È importante comunque evitare eccessi calorici e concedersi in questi giorni pasti piccoli e frequenti. Ugualmente da evitare bibite zuccherate e gassate, come pure gli alcolici”. Ricordatevi di diminuire o eliminare le bevande consigliate da Manfellotto e di bere tanta acqua, gli esperti consigliano 3 litri al giorno. Quindi, se d’estate il numero di bicchieri da bere al giorno è tra i 6 e gli 8, d’estate se ne devono bere almeno dieci. Non temete, i tre litri si raggiungono mangiando frutta di stagione e verdura.

 

 


Pubblicato da Alessandra Cristofari su Giornalettismo il 22 Giugno 2012

 


Nota: Per qualsiasi cambiamento della propria terapia o dieta è opportuno e necessario rivolgersi al proprio medico o dietista di fiducia. I proprietari e gli editori di questo sito non potranno essere ritenuti responsabili dell'applicazione, in qualsiasi modo, di indicazioni o informazioni mediche o dietologiche dedotte dal contenuto di questo articolo, che non sono state controllate da un professionista della salute.

Liberatoria: Il testo riprodotto qui sopra è stato acquisito da fonti pubbliche disponibili e consultabili sulla rete Internet, chiaramente citate all'interno del documento. L'autorizzazione alla ripubblicazione potrebbe non essere stata richiesta espressamente, ma il contenuto viene messo a disposizione dei visitatori del sito per diffondere e approfondire le conoscenze su prodotti vegetali importanti ai fini di una corretta alimentazione salutare. Si ritiene che ciò costituisca un uso ragionevole di qualsiasi materiale anche se protetto da copyright, nell'ambito dell'obiettivo comune di aiutare, supportare e informare in buona fede. Gli eventuali marchi di fabbrica, i marchi di servizi, i nomi depositati e i prodotti citati nel presente articolo e/o sito sono protetti e riconosciuti ai rispettivi proprietari a livello nazionale o internazionale.