Vegetalmente Sani

L'aumento del consumo di frutta e verdura puo' aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari nei soggetti esposti.

L'Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (Inran) e la Food and nutrition unit dell'Ircss San Raffaele Pisana di Roma sono per qeusto impegnati in una ricerca scientifica, finanziata dal ministero per le Politiche Agricole e Forestali, dal titolo "La dieta Mediterranea in una nuova prospettiva di ricerca: rapporto alimentazione-genoma e salute dell'uomo" (Medito).


Nell'ambito del progetto e' previsto lo studio clinico "Effetto dell'aumentato consumo di frutta e verdura sullo stato redoxe infiammatorio e sulla funzione endoteliale, in soggetti esposti a fattori di rischio per malattie cardiovascolari", che ha lo scopo di appurare se il progressivo aumento del consumo di frutta e verdura possa ridurre i fattori di rischio selezionati e potenziare le difese endogene dell'organismo maggiormente in individui esposti a diversi fattori di rischio (sedentarieta', sovrappeso, fumo) rispetto a soggetti non caratterizzati da fattori di rischio (normopeso, non fumatori, attivita' fisica moderata).


Negli ultimi anni, infatti, numerose indagini epidemiologiche hanno mostrato l'evidenza scientifica degli effetti salutistici che l'elevato consumo di alimenti di origine vegetale, una delle principali caratteristiche della dieta mediterranea, risulta associato ad una minore incidenza di malattie cardiovascolari e di neoplasie.


Per questo motivo, le istituzioni hanno avviato diverse campagne allo scopo di sensibilizzare la popolazione verso un maggior consumo di frutta e verdura, consigliandone l'assunzione di almeno 5 porzioni al giorno. Tuttavia, i risultati derivanti da studi di intervento condotti sull'uomo sono ancora pochi e non sufficienti per dimostrare un rapporto di causa-effetto.


Inoltre, le quantita' di frutta e verdura, sufficienti per poter apprezzare un effetto preventivo, non sono ancora state definite esattamente. Gli istituti scientifici impegnati nella ricerca "Medito" cercano individui adulti di eta' compresa fra i 30 e i 55 anni, di ambo i sessi, che assumano abitualmente frutta e verdura e che non siano affetti da gravi patologie.


Ai partecipanti, suddivisi in gruppi (ad es. fumatori/sovrappeso; non fumatori/normopeso), verra' chiesto, con tempistiche diverse, di seguire la loro dieta abituale incrementando il loro consumo di frutta e verdura quotidiano.

 

 


Pubblicato da AGI.it il 31 Maggio 2012

 


Nota: Per qualsiasi cambiamento della propria terapia o dieta è opportuno e necessario rivolgersi al proprio medico o dietista di fiducia. I proprietari e gli editori di questo sito non potranno essere ritenuti responsabili dell'applicazione, in qualsiasi modo, di indicazioni o informazioni mediche o dietologiche dedotte dal contenuto di questo articolo, che non sono state controllate da un professionista della salute.

Liberatoria: Il testo riprodotto qui sopra è stato acquisito da fonti pubbliche disponibili e consultabili sulla rete Internet, chiaramente citate all'interno del documento. L'autorizzazione alla ripubblicazione potrebbe non essere stata richiesta espressamente, ma il contenuto viene messo a disposizione dei visitatori del sito per diffondere e approfondire le conoscenze su prodotti vegetali importanti ai fini di una corretta alimentazione salutare. Si ritiene che ciò costituisca un uso ragionevole di qualsiasi materiale anche se protetto da copyright, nell'ambito dell'obiettivo comune di aiutare, supportare e informare in buona fede. Gli eventuali marchi di fabbrica, i marchi di servizi, i nomi depositati e i prodotti citati nel presente articolo e/o sito sono protetti e riconosciuti ai rispettivi proprietari a livello nazionale o internazionale.