(Ansa)

Dalle ciliegie vendute a 30 euro al chilo alle albicocche che arrivano a 20 euro fino alle pesche offerte a 15 euro al chilo: è lunga la lista dei prodotti con i prezzi schizzati alle stelle con l’arrivo del Natale.

 

È quanto emerge da un monitoraggio della Coldiretti: nonostante la crisi sono in molti ad acquistare prodotti ritenuti indispensabili sulla tavola del cenone, ma che invece pesano sulle tasche e danneggiano l’economia del Made in Italy.

 

E concorrono anche ad inquinare l’ambiente, perché trasportati da lontano.

Sempre secondo Coldiretti infatti l’unica maniera per risparmiare, a Natale, è quella di rinunciare a costose mode esterofile e preferire prodotti locali, preferibilmente prodotti nelle vicinanze della propria abitazione. E sottolinea, basandosi su un’indagine della Swg, che quasi tre italiani su quattro (73 per cento) per il Natale 2011 acquisteranno prodotti made in Italy e addirittura il 33 per cento degli italiani regalerà prodotti alimentari locali a chilometri zero.

Ma quali sono i frutti di stagione da poter mettere in tavola senza perdere di vista il risparmio?

Ecco le schede dei prodotti di stagione, con le loro caratteristiche e proprietà nutrizionali

La mela è il frutto più destagionalizzato (lo si trova tutto l’anno). Ha un bassissimo apporto calorico e, grazie alla pectina, aiuta ad eliminare dal corpo le sostanze tossiche. Ha un potere antiossidante poiché contiene vitamine importanti come provitamina A, vitamine B1, B2, B6, E e C, niacina e acido folico, insieme a flavonoidi e carotenoidi.
La frutta secca è ricca di vitamine, sali minerali e proprietà specifiche. Le noci, in particolare, sono ricche in vitamina E, acido folico e magnesio. Hanno proprietà astringenti, toniche, cicatrizzanti e disinfettanti contro i parassiti intestinali.
Il caco ha proprietà lassative e diuretiche ed è sconsigliato a chi soffre di diabete o ha problemi di obesità. È molto indicato per depurare il fegato e per l’apparato nervoso.
Mandarini: Frutti ricchi di vitamina C, di vitamine del gruppo B, di vitamina A e con una buona percentuale di ferro, magnesio e acido folico.
Il cardo è ricco di calcio, potassio e sodio. Ha pochissime calorie e un indice di sazietà piuttosto alto
Il finocchio oltre sali minerali e vitamine, contiene un’essenza, l’anetolo, che si concentra in particolar modo nei semi e favorisce la digestione.
Il radicchio, grazie alle sue proprietà depurative, favorisce la digestione e la motilità intestinale. E’ consigliato in particolar modo a chi ha problemi legati all’obesità, al diabete, all’insonnia e per chi soffre di reumatismi, di artrite e malattie della pelle.
Il cavolo da sempre è utilizzato come antinfiammatorio e in caso di artrosi e artriti. La scoperta di una sostanza, il gefarnato, ha permesso di impiegarne il succo con ottimi risultati in caso di ulcera gastrica.
I broccoli contengono elevate quantità di vitamina C, e hanno un notevole potere saziante, antistitichezza e immunostimolante
Le arance sono un’ottima fonte di vitamine, soprattutto la C e la A, seguite da buona parte delle vitamine del gruppo B. Il consumo quotidiano di 2 o 3 arance consente di coprire il fabbisogno giornaliero di vitamina C, prezioso suporto al sistema immunitario, un adeguato consumo di arance nei mesi invernali può essere un ottimo coadiuvante nella prevenzione delle malattie da raffreddamento

Ecco l’elenco:
Verdura: broccoli, carciofi, cardi, crauti, sedano rapa, spinaci, scorzobianca e scorzonera, topinambur, valerianella, barbabietole, broccoli, carciofi, cavolini di bruxelles, cicoria e cicorino, coste, crauti, erbette, finocchio, indivia, porro, radicchio, rafano, rapa, ravanello, cardi, carote, cavolfiore, cavolo cappuccio, cavolo verza.

Frutta: mele, pere, cachi, arance, mandarini, clementine , mandaranci e ovviamente tutta la frutta secca, noci, nocciole, arachidi, anacardi, pistacchi e mandorle.

 

 

 

 

Pubblicato su Panorama.it il 22 dicembre 2011

 

 


Nota: Per qualsiasi cambiamento della propria terapia o dieta è opportuno e necessario rivolgersi al proprio medico o dietista di fiducia. I proprietari e gli editori di questo sito non potranno essere ritenuti responsabili dell'applicazione, in qualsiasi modo, di indicazioni o informazioni mediche o dietologiche dedotte dal contenuto di questo articolo, che non sono state controllate da un professionista della salute.

Liberatoria: Il testo riprodotto qui sopra è stato acquisito da fonti pubbliche disponibili e consultabili sulla rete Internet, espressamente citate all'interno del documento. L'autorizzazione alla ripubblicazione potrebbe non essere stata richiesta espressamente, ma il contenuto viene messo a disposizione dei visitatori del sito per diffondere e approfondire le conoscenze su prodotti vegetali importanti ai fini di una corretta alimentazione salutare. Si ritiene che ciò costituisca un uso ragionevole di qualsiasi materiale protetto da copyright, nell'ambito dell'obiettivo comune di aiutare, supportare e informare in buona fede. Gli eventuali marchi di fabbrica, i marchi di servizi, i nomi depositati e i prodotti citati nel presente articolo e/o sito sono protetti e riconosciuti ai rispettivi proprietari a livello nazionale o internazionale.