Vegetalmente Sani

frutta-e-verduraUna delle domande che più spesso si fanno le mamme attente a una sana alimentazione, è quella di sapere se si corrono rischi a mangiare frutta e verdura con la buccia se sono presenti residui di pesticidi.

Sì, la frutta e verdura contiene pesticidi ma solo in tracce usati durante la coltura senza però che si superano i limiti imposti dalla legge.

 

Per ogni residuo chimico esiste una quantità massima che può rimanere nell’alimento e può essere ingerita senza effetti negativi. Se l’agricoltore osserva le norme sull’uso dei pesticidi allora si può stare tranquilli.

 

Per eliminare i residui rimasti sulla frutta o sugli ortaggi basta lavarli con acqua che contenga disinfettanti o battericidi.

Acqua e bicarbonato
In una scodella versate un litro d’acqua e fate sciogliere un cucchiaino di bicarbonato di sodio in polvere. Ma attenzione verranno sì eliminati i residui chimici ma anche una parte delle vitamine idrosolubili e dei sali minerali presenti nella buccia.

Acqua acidulata
Elimina quasi il 99% dei pesticidi, terricci, secrezioni che possono essere rimaste sulla superficie di frutta e verdura. Preparate in una scodella un litro di acqua e aggiungete il succo di un limone di media grandezza, o 3 cucchiai di aceto bianco. Lasciate dentro la frutta o la verdura in ammollo almeno 3-5 minuti, poi strofinate e asciugate. L’ambiente acido ucciderà molte sostanze chimiche usate in agricoltura.

Acqua e amuchina
L’amuchina ha un effetto battericida, distrugge i batteri come salmonella, Escherichia Coli e toxoplasma. Un litro di acqua e 10 gocce di amuchina e frutta o verdura in ammollo per 5 minuti. Asciugate e poi passate sotto l’acqua corrente per togliere i residui di odore.

 

 

Scritto da Marina Morelli su ilJournal.it il 28 ottobre 2011

 


Nota: Per qualsiasi cambiamento della propria terapia o dieta è opportuno e necessario rivolgersi al proprio medico o dietista di fiducia. I proprietari e gli editori di questo sito non potranno essere ritenuti responsabili dell'applicazione, in qualsiasi modo, di indicazioni o informazioni mediche o dietologiche dedotte dal contenuto di questo articolo, che non sono state controllate da un professionista della salute.

Liberatoria: Il testo riprodotto qui sopra è stato acquisito da fonti pubbliche disponibili e consultabili sulla rete Internet, espressamente citate all'interno del documento. L'autorizzazione alla ripubblicazione potrebbe non essere stata richiesta espressamente, ma il contenuto viene messo a disposizione dei visitatori del sito per diffondere e approfondire le conoscenze su prodotti vegetali importanti ai fini di una corretta alimentazione salutare. Si ritiene che ciò costituisca un uso ragionevole di qualsiasi materiale protetto da copyright, nell'ambito dell'obiettivo comune di aiutare, supportare e informare in buona fede. Gli eventuali marchi di fabbrica, i marchi di servizi, i nomi depositati e i prodotti citati nel presente articolo e/o sito sono protetti e riconosciuti ai rispettivi proprietari a livello nazionale o internazionale.